Informazioni generali

Tutto scorre (panta réi), diceva il filosofo greco Eraclito. Questo principio, secondo cui l’essenza delle cose è il movimento, potrebbe avere nel sangue il suo simbolo per eccellenza. Il sangue costituisce circa il 5-7% del volume corporeo: in un organismo adulto ne circolano, in media, 4-5 litri. Al suo movimento ed alla sua efficienza è legata la nostra vita.

Gli emocomponenti

Il sangue e gli emocomponenti

Il sangue è composto da una parte corpuscolata o cellulare (globuli rossi, globuli bianchi, piastrine), che rappresenta circa il 45% del totale, e una liquida chiamata plasma.

Le funzioni del sangue

Il sangue esercita numerose funzioni all’interno dell’organismo:

  • Respiratoria (scambio ossigeno/anidride carbonica);
  • Nutritizia (porta a tutte le cellule le sostanze nutrienti);
  • Escretrice (raccoglie i rifiuti, che convoglia agli organi, destinati a eliminarli);
  • Termoregolatrice (regola il calore);
  • Regola l’equilibrio idrico e acido-basico (per mezzo del plasma);
  • Difesa (trasporta i globuli bianchi e gli anticorpi);
  • Coagulante (grazie all’azione delle piastrine e dei fattori plasmatici della coagulazione).

Le diverse forme di donazione

Donazione di sangue intero

La donazione di sangue intero è la forma di donazione più frequente. Permette di prelevare allo stesso tempo tutte le componenti del sangue: globuli rossi, globuli bianchi e piastrine che vengono separati in seguito.

Aferesi

La donazione in aferesi permette di prelevare un solo componente del sangue per mezzo di un macchinario che separa le cellule mentre gli altri componenti vengono infusi di nuovo al donatore. È ugualmente possibile prelevare 2 componenti simultaneamente; si parla allora di donazione multicomponenti. La donazione in aferesi offre il vantaggio di prelevare in maggior quantità i componenti di cui i malati hanno bisogno. Ha una durata superiore alla donazione di sangue intero. Questo tipo di donazione generalmente è proposta ai donatori che hanno già un’esperienza di donazione di sangue.

Altri tipi di donazione

Recenti studi scientifici hanno proposto altre forme di donazione, come quella di cellule staminali raccolte dal sangue del cordone ombelicale o dal midollo osseo, per utilizzarle come cure innovative in molte malattie.

Come si conserva il sangue

Tipologie di conservazione

  • Concentrati di globuli rossi: Vengono conservati in appositi frigoriferi a una temperatura fra i +2°C e i +6°C, per un massimo di 42 giorni a seconda della soluzione additiva presente nella sacca. I globuli rossi possono essere conservati anche congelati a –60°C per anni.
  • Concentrati di globuli bianchi: Devono essere utilizzati entro poche ore dalla preparazione e comunque entro 24 ore.
  • Concentrati di piastrine: Sono conservati a temperatura ambiente (+20-22°C) per un massimo di 5 giorni in costante agitazione.
  • Plasma: Viene congelato rapidamente e, se conservato costantemente a temperatura inferiore a –25°C, può essere conservato fino a 24 mesi.

Questi dati non sono fissi, ma evolvono in base al progresso del le conoscenze scientifiche e vengono di volta in volta stabiliti da Decreti Ministeriali (quello vigente è il Decreto del Ministero della Salute del 2 novembre 2015, recante Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti). Dall’analisi di questo processo di conservazione particolarmente complesso e delicato emerge l’importanza che riveste un uso razionale e programmato degli emocomponenti e dei plasmaderivati, al fine di evitarne inutili sprechi.

Close
Go top